fbpx

Voglio sottolineare il mio rispetto attivo verso qualsiasi tipo di amore (puro) rivolto alle varie religioni. Sono piuttosto convinto che spesso il fanatismo accechi chiunque ne venga colpito, uccidendo obiettività, consapevolezza e quindi libertà.

In questo momento quello che è successo al Papa, anzi quello che il Papa ha fatto, perché mi piace pensare di che la vita sia “come reagisci ad essa” più che “quello che ti succede”, sta avendo opinioni contrastanti.

Così a mente fredda, mi viene da pensare, la carica più alta della religione Cristiana, la quale propaganda amore verso il prossimo, perdono e povertà, perdere la pazienza per una persona che sarà stata li da chissà quanto tempo, e probabilmente chissà quante volte, per riuscire a toccare ciò che per lei probabilmente è tutto nella vita, quell’idolo che è poi stato creato dal cristianesimo stesso?

 

I livelli logici

Io penso che uno dei grossi problemi della società attuale sia la quasi se non totale inconsapevolezza del sé ed un rifiuto appassionato verso la crescita personale e quindi dell’uomo (cioè del prossimo).

 

Di conseguenza un “dare la colpa agli altri, all’esterno”

Mi fai sentire male

Mi ferisci

Devi cambiare

Questo paese fa schifo

Ecc

Una delle cose che si potrebbe scoprire attraverso un po’ di attenzione verso la possibilità di accrescere la capacità del pensiero sono i livelli logici. Ora mi collego al Papa.

Prendendo il Papa come esempio, e tutti i post che ho letto finora, di chi giustamente o no, vuole dire ciò che pensa, possiamo vedere quanto si possa difendere ed attaccare la stessa azione però parlando su livelli totalmente diversi.

Mi spiego meglio.

 

Io posso giudicare il Papa in questi modi:

 

  • Posso farlo prendendo una delle definizioni sulla bibbia “colui che costruisce ponti, con Dio e tra gli uomini” quindi come Papa. Credo sia stata questo quello che la donna ha strattonato.

Se prendo questa definizione, posso trovare assurdo che possa perdere la pazienza per uno strattone. Sei ciò che è più vicino a Dio per gli uomini. Non sei un prete che ha appena iniziato a fare le prime messe. Sei al ruolo più alto di un percorso che dovrebbe aver avuto un crescita personale non da niente. Poi insomma, l’amore incondizionato di Gesù, il porgi l’altra guancia ecc.

Salendo di livello logico, quindi “alzandomi di categoria” diciamo

 

  • Posso giudicarlo come un lavoratore

Posso pensare che è pieno di lavoro quindi di stress e che quella giornata non era una delle migliori, magari aveva un po’ di febbre, lo paragono a me e dico “beh dai anch’io mi incazzo ogni tanto per niente”.

 

  • Posso giudicarlo come uomo.

Imperfetto e perfetto così com’è. Ma non credo quella donna avrebbe fatto la fila per vedere

 

  • Posso anche fregarmene

Lasciare andare il giudizio e capire che non serve che altre persone ti dicano “abbiamo scelto te come Papa” per fare cose buone. Lasciare perdere le icone e concentrarsi sul messaggio.

 

Ecco che un azione prendendola da angolazioni diverse, quindi vedendo cose diverse, poi discusse sullo stesso piano, creano un po’ di casino.

C’è di più nel nostro cervello.

 

L’Attenzione selettiva

Un po’ come l’interista che vede solo i falli della Juve e viceversa.

Vi è mai successo per esempio, dopo esservi fatti un nuovo taglio o cambiato il colore dei capelli, vedere quel taglio o quel colore su moltissime persone?

Vi è mai capitato di essere interessati all’acquisto di una macchina in particolare o di averla appena comprata e vederla ovunque?

Questa si chiama “attenzione selettiva”, cioè quelle macchine e quei tagli di capelli ci sono sempre stati. Ma quando siete concentrati su qualcosa la vostra attenzione cadrà su quel qualcosa.

 

Quando decidi di identificarti in qualcosa, come in questo caso il Cristianesimo, ecco che la tua attenzione selettiva, quindi poi il tuo linguaggio e molte altre cose, prendono quella forma.

Esempio.

 

Immaginate due Cristiani, sono in auto. Fanno un incidente frontale con un’altra auto e non si fanno praticamente niente. Che cosa diranno secondo voi? Molto probabilmente “miracolo”.

Immagine sempre due Cristiani, sempre la stessa scena. Solo che questa volta uno dei due muore. Che cosa dirà quello sopravvissuto? Molto probabilmente riterrà il fatto che sia vivo un miracolo.

La stessa scena, e tutti e due si rompono le gambe. Poteva andare peggio, e quindi ecco il miracolo.

 

In base a come decidi di “vestire” la tua identità, il mondo cambierà forma. E confermerà la sue scelta perché la sua attenzione è indirizzata esattamente su chi ha deciso di essere. Sarà sempre un miracolo, tranne che nella morte di entrambi, anche se probabilmente sarà un miracolo il fatto che quel giorno altre persone non siano andate con loro.

 

Ed ecco che da Cristiano, quando vedi il tuo rappresentante massimo fare una cosa del genere, “dovrà” confermare, o dimostrare di essere Cristiano, quindi?

 

PERDONARE

Buon Viaggio